Che-Fare. Storia di una sconfitta: la mappa della metropolitana di New York secondo Massimo Vignelli

C’è chi la racconta come la storia di una sconfitta, chi come un momento chiave per la storia del design moderno. È la sera del 20 aprile 1978 e a New York va in scena il dibattito tra il designer modernista Massimo Vignelli, e John Tauranac, presidente del comitato che per la mappa della New York Metropolitan Transit Authority. John Tauranac è profondamente contrario alla mappa della metropolitana progettata da Massimo Vignelli nel 1972 e, per bocciare il progetto, ha coinvolto psicologi, urbanisti, designer, cittadini della classe media che ogni giorno si muovono lungo quelle linee sotterranee.

Read the article

Read also

Domus. Swimming pools as utopia: the photos of Maria Svarbova

For her Swimming Pool series, the Slovak photographer has explored the rigor of the rationalist swimming pools of the countries…

Il Foglio. Il mondo di Franco Albini dentro una nuova Casa dedicata all’architetto

L'inventore della scomposizione e ricomposizione si trova dentro la sintesi tra i suoi principi, propri della Fondazione a lui dedicata,…

Rivista Studio. Perché gli Zelensky su Vogue ci hanno scandalizzati così tanto?

Secondo diversi fotogiornalisti e politologi l'idea della coppia di prestarsi al servizio fotografico di Annie Leibovitz a Kiev è stato…

Domus. At Francois Halard’s house, master of interior and architectural photography

He has photographed the most beautiful artists’ studios and homes in the world. Now the French photographer has chosen to…